Giappone e Sudcorea si preparano per atteso vertice Kishida-Yoon

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 set. (askanews) - I ministri degli Esteri di Giappone e Corea del Sud - Yoshimasa Hayashi e Park Jin - si sono incontrati a margine dell'Assemblea generale dell'Onu a New York per discutere le pesanti differenze tra i due paesi limitrofi ed entrambi alleati degli Usa nel Pacifico, anche con l'obiettivo di facilitare il possibile vertice tra il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol e il primo ministro nipponico Fumio Kishida che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni.

I due ministri hanno avuto un coloquio di una cinquantina di minuti, nel quale hanno affrontato - secondo quanto afferma l'agenzia di stampa Yonhap - le questioni storiche - a partire dal tema dei risarcimenti alle vittime del lavoro forzato durante il dominio coloniale giapponese sulla Corea nel 1910-1945 che rendono diffiicli i rapporti tra i due paesi.

Yoon è già arrivato a New York, mentre Kishida ha dovuto rimandare la sua partenza ieri a causa del supertifone che si è abbattuto sul Giappone meridionale, ed è partito oggi.

Il vertice tra i due leader è dato come quasi certo, ma i dettagli - cioè la data e l'ordine del giorno - devono ancora essere confermati. Sarà il primo incontro tra un presidente sudcoreano e un capo di governo giapponese da tre anni a questa parte.

La parte più perplessa sul procedere con il vertice è Tokyo, che non ritieene di vedere ancora progressi nelle trattative con Seoul. Il Giappone ritiene di aver ormai chiuso le questioni storiche con gli accordi di alcuni anni fa.

Yoon e Kishida si sono già incontrati al vertice Nato a Madrid a giugno. Hanno anche avuto un incontro trilaterale con il presidente Usa Joe Biden, ma non si sono mai seduti allo stesso tavolo faccia a faccia per un bilaterale.