Giappone, governo estende e prolunga stato emergenza Covid

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Tokyo, 30 lug. (askanews) - Come preannunciato, il governo giapponese ha deciso oggi di prolungare al 31 agosto lo stato d'emergenza a Tokyo e Okinawa, dove avrebbe dovuto scadere il 22 agosto, e ha aggiunto altre quattro prefetture alla dichiarazione di emergenza: Osaka, Saitama, Chiba e Kanagawa. Le ultime tre ospitano gare delle Olimpiadi Tokyo 2020.

Il primo ministro Yoshihide Suga ha ufficialmente comunicato il provvedimento, dopo aver ottenuto il parere positivo anche della struttura tecnica che supporta l'esecutivo nelle strategie anti-Covid.

Altre cinque prefetture e città (Hokkaido, Fukuoka, Ishikawa, Hyogo e Kyoto) sono state messe sotto osservazione. Hokkaido ospita altri eventi di Tokyo 2020, tra i quali anche la maratona.

"Ieri per la prima volta si sono superati i 10mila contagi e, a partire da Tokyo si sta estendento a una velocità violenta anche alla Grande Tokyo e al Kansai", ha detto Suga. "La variante 'delta' - ha proseguito il capo del governo - si sta sovrapponendo con grande forza infettiva, se non fermiamo ora il numero di contagiati e cresce il numero dei malati gravi, il sistema sanitario potrebbe entrare in sofferenza".

Suga ha chiesto ancora ai locali di non servire alcolici e ha promesso aiuti agli esercizi commerciali che avranno perdite. Ha inoltre fatto appello ai cittadini a evitare le uscite non motivate o necessarie, anche in vista delle festività del Bon che ricadono a metà agosto e che sono, per molti giapponesi, l'occasione per tornare nelle città d'origine.

Per quanto riguarda il tema delle vaccinazioni, il primo ministro ha affermato che entro la fine del mese l'80 per cento degli ultra-65enni saranno vaccinati, segnalando che già oggi i contagi tra gli anziani sono fortemente calati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli