In Giappone il governo conferma la sua maggioranza

·1 minuto per la lettura

AGI - Il partito di governo in Giappone è riuscito a mantenere la sua ampia maggioranza parlamentare nelle elezioni di domenica. Il Partito Liberal Democratico (PLD) del Primo Ministro Fumio Kishida ha vinto ottenendo 261 seggi, secondo l'ultimo scrutinio riportato dal canale pubblico NHK.

Anche se il PLD ottiene meno seggi rispetto alle ultime elezioni, si tratta di una "maggioranza stabile" (sopra i 233) alla Camera Bassa, che ha un totale di 465 seggi.

Il partito di governo si è garantito un quarto mandato consecutivo insieme al suo partner di coalizione, il partito buddista Komeito, che è passato dai 29 seggi del 2017 ai 32 di ieri, portando a 293 il totale dei seggi tra le due formazioni.

Nonostante il primo ministro Kishida manterrà il controllo della Camera bassa per questo nuovo mandato, il PLD ha perso 15 seggi rispetto al 2017 e il segretario generale della formazione e figura chiave del partito, Akira Amari, ha perso nel tuo distretto.

Il blocco dell'opposizione nel suo insieme è avanzato, sebbene il Partito Democratico Costituzionale del Giappone (PCDJ) abbia visto diminuire a 96 i suoi seggi, rispetto ai precedenti 109. La formazione rimane comunque la principale forza di opposizione nel Paese.

Il Partito comunista perde consenso e si riduce a 10 seggi, due in meno rispetto alla precedente tornata. La migliore performance tra le opposizioni la registra l'Innovation Party of Japan, che ha quadruplicato la rappresentanza parlamentare, passando da 11 a 41 seggi.  

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli