Giappone illustra piani di rilascio in mare acqua contaminata

Mos

Roma, 3 feb. (askanews) - Il governo giapponese ha comunicato oggi alle ambasciate di 28 paesi - tra cui l'Italia - i suoi piani per il riversamento in mare di acqua contaminata al trizio proveniente dalla centrale nucleare Fukushima Daiichi, che nel 2011 è stata teatro del più grande incidente atomico della storia dopo quello di Cernobyl. Lo riferisce l'agenzia di stampa Kyodo.

I diplomatici sono stati riuniti al Ministero degli Esteri a Tokyo e hanno ricevuto aggiornamenti di dettaglio sulla decisione di smaltire in mare più di un milione di tonnellate di acqua che è stata trattata e ora è conservata in silos nelle vicinanze della centrale. Ma, visto che l'acqua contaminata continua a essere prodotta, anche la capacità di stoccaggio è al limite. (Segue)