Giappone, nuova ondata Covid: governo esclude restrizioni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 lug. (askanews) - Il governo giapponese non chiederà ai cittadini di limitare le loro attività sociali ed economiche per affrontare la nuova ondata pandemica Covid indotta dalle ultime varianti di Omicron. Però, secondo quanto segnala l'agenzia di stampa Kyodo, intende rimandare il lancio di una controversa campagna promozionale per il rilancio del turismo.

Il ministro incaricato di affrontare il Covid-19, Daishiro Yamagiwa, ha dichiarato in una riunione degli esperti che il governo non intende interveire sui cittadini. "Risponderemo appropriatamente alla diffusione del virus facilitando vaccinazioni e l'utilizzo dei test", ha commentato Yamagiwa.

Il governo metropolitano di Tokyo ha alzato l'allerta Covid al massimo dei quattro livelli previsti per questa che in Giappone è considerata la settiman ondata pandemica.

Nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 94.493 contagi dovuti prevalentemente all'altamente trasmissioni subvariante Omicron BA.5. Si è a meno di 10mila casi giornalieri dal picco raggiunto a febbraio.

Il capo di gabinetto e portavoce del governo Hirokazu Matsuno ha comunque rassicurato: sebbene il tasso d'occupazione dei posti letto in ospedale sia in crescita, resta tuttavia basso, come anche il numero di morti e le persone con sintomi gravi.

Intanto però il ministro del turismo Tetsuo Saito ha deciso di rimandare il programma di incentivazione dei viaggi, dando così un ulteriore colpo all'industria turistica che dal 2020 sta soffrendo una vera e propria debacle. Doveva partire nella prima metà del mese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli