Giappone: pescatori si riprendono dal mare dio "rapito" da tsunami

Mos

Roma, 14 gen. (askanews) - La storia si ripete, anche quando si tratta solo di leggende, di miti. Ma i miti, si sa, sono una parte importante di ogni cultura. Sommersi dalla modernità, a volte riemergono, come è riemersa una statua di Ebisu, il dio giapponese dei pescatori, che era stata trascinata via dal devastante tsunami del 2011 e che è stata restituita dal mare oggi, in quello che è interpretato come un segnale di buon auspicio.

Secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa giapponese Kyodo, la statua è alta un metro e mezzo. Era stata eretta nel 1988, per diventare un'attrazione turistica a Kesennuma, una località del Tohoku che fu distrutta dallo tsunami dell'11 marzo 2011. In un primo momento era stata individuata a novembre scorso, sotto l'acqua, ma poi i tentativi di rilevarla di nuovo erano falliti. Come se, dispettosamente, il dio si fosse spostato. (Segue)