Giappone spegne ultimo reattore, prima volta senza nucleare da 1966

Tokyo (Giappone), 5 mag. (LaPresse/AP) - Centinaia di giapponesi sono in marcia per chiedere la fine dell'utilizzo del nucleare nel giorno in cui il Giappone ha spento l'ultimo dei suoi cinquanta reattori, per effettuare dei controlli, rimanendo così senza energia nucleare per la prima volta dal 1966. A essere spento è stato uno dei tre reattori della centrale di Tomari, nell'isola settentrionale di Hakkaido. La folla si è radunata in un parco di Tokyo dicendosi non preoccupata per gli allarmi del governo per possibili mancanze di energia nei prossimi mesi. Dopo il disastro nucleare di Fukushima, dell'11 marzo 2011, nessuno dei reattori spenti per controlli è stato ancora riattivato. Il governo ha chiesto infatti nuovi test sulla resistenza a terremoto e tsunami, e necessita dell'approvazione dei residenti per far partire nuovamente le attività delle centrali.

Ricerca

Le notizie del giorno