Giappone: Tillerson giustifica (e contraddice…) Trump su budget e alleanze

“Insostenibili le spese per il mio dipartimento. Giustificati i tagli voluti da Trump”

Una stretta di mano per rassicurare il Giappone sul sostegno militare che in campagna elettorale Trump aveva minacciato di ritirargli e una platea a cui ribadire che i tagli al suo stesso dipartimento necessari a finanziarlo sono giustificati.

Il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, a Tokyo nel giorno della presentazione del budget statunitense per il 2018, difende la nuova politica del “più spese per sicurezza e difesa, meno per la diplomazia” dicendo che i costi del suo stesso Dipartimento di Stato sono stati in passato, e in particolare lo scorso anno: “semplicemente insostenibili”.

The White House is releasing its budget proposal on Thursday with $1.5 billion earmarked for border wall https://t.co/9emi3Azbmz pic.twitter.com/0Z3eg6meTo— CNN (@CNN) March 16, 2017

“La Casa Bianca svela le sue proposte per il budget (2018) – scrive su Twitter la CNN -. 1,5 miliardi di dollari stanziati per il muro al confine con il Messico”

Tillerson rassicura Tokyo: “La nostra alleanza una pietra miliare di pace e stabilità”

Prima ancora del faccia a faccia con il premier Shinzo Abe, Tillerson aveva approfittato di un incontro con il Ministro degli esteri Fumio Kishika per ribadire il sostegno a Tokyo di fronte alla minaccia nucleare e balistica nord-coreana.

#SecState Tillerson emphasized the enduring strength of U.S.-Japan friendship during a joint press event w/ FM Kishida of MofaJapan_en pic.twitter.com/j5AiPhbKoI— アメリカ大使館 (usembassytokyo) 16 marzo 2017

“Il Segretario di Stato Tillerson – ha twittato l’ambasciata statunitense a Tokyo – ha sottolineato la perdurante amicizia tra Stati Uniti e Giappone nel corso di una conferenza stampa congiunta con il Ministro degli esteri Kishida”

Denuclearizzazione della Corea del Nord: “La diplomazia ha fallito, serve un nuovo approccio”

In una sostanziale marcia indietro rispetto alle affermazioni di Trump, che durante la campagna elettorale aveva minacciato di ritirare il personale di stanza in Giappone e Corea del Sud se Tokyo e Seul non avessero incrementato il loro contributo alle spese, Tillerson ha ribadito il sostegno statunitense al Giappone, di fronte alla minaccia nucleare e balistica nordcoreana. “L’alleanza tra i nostri due Paesi – ha detto- è una pietra miliare per la pace e la stabilità nel Pacifico”. Sempre in proposito, Tillerson ha poi definito “cruciale” una cooperazione a tre, che oltre a Stati Uniti e Giappone comprenda anche la Corea del Sud.

Rispetto alla denuclearizzazione della Corea del Nord, il Segretario di Stato americano ha però parlato di ormai evidente “fallimento degli sforzi diplomatici degli ultimi 20 anni” e della conseguente necessità di un “nuovo approccio”. Affermazioni che Tillerson ha tuttavia accompagnato a rassicurazioni al “popolo nordcoreano”, dicendo che quest’ultimo non deve temere né i suoi vicini regionali né Washington.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità