Gibilterra, rischio di una catastrofe ambientale

Si rischia una catastrofe ambientale al largo di Gibilterra, l'enclave britannica in territorio spagnolo, dopo la collisione tra un cargo e una petroliera.

Quest'ultima imbarcazione, che ha a bordo 183 tonnellate di petrolio, 250 di gasolio e 27 di oli, rischia di affondare e provocare gravi danni all'ambiente.

Fabian Picardo, Primo ministro di Gibilterra spiega che sono in corso le operazioni per svuotare le cisterne della nave, una attività che richiederebbe almeno 50 ore.

Le rassicurazioni del capo del governo locale però non bastano ai residenti i quali temono che l'incidente possa causare pesanti conseguenze.

"50 ore sono quasi 3 giorni. Con il vento che soffia, se c'è una fuoriuscita di petrolio avremo una contaminazione di tutta la costa", dice un ecologista.

Per concentrare gli sforzi sull'emergenza tutte le operazioni portuali sono state sospese, e anche il governo della regione spagnola dell'Andalusia ha proclamato una pre emergenza per reagire immediatamente a una eventuale rottura della nave.