Giletti e il Vesuvio che erutta virus: "Mi scuso se frainteso"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"L'idea di utilizzare il Vesuvio nascondeva l'intento di far capire che il virus è pericoloso come la lava e quindi chi gioca a tirare in ballo la storia del razzismo è fuori strada completamente. Purtroppo a volte anche le idee più ambiziose possono essere interpretate in modo diverso, e di questo non posso che scusarmi con chi ha voluto leggere ciò che non è". Così Massimo Giletti replica alle critiche via social sulla grafica utilizzata nella puntata di 'Non è l'Arena' andata in onda ieri sera che mostrava Napoli sullo schermo come sfondo, con il Vesuvio che erutta il virus.

"Credo che da circa un mese io e la mia squadra stiamo facendo un lavoro di inchiesta importante sulla criticità della Sanità in Campania e tutto questo non può essere oggetto di fraintendimenti che mi sembrano a volte strumentali e lontani dalla verità e forse servono a spostare il vero focus del problema su cui noi stiamo facendo la nostra inchiesta”, conclude.