Giorgetti: "Governo è morte di M5S e Pd in una botta sola"

webinfo@adnkronos.com

dall'inviato Marco Barboni  

"Questo governo sarà la morte del M5S e del Pd in una botta sola. Dovremo aspettare sei mesi, uno, due o quattro anni. Ma tra quattro anni al massimo il M5S e il Pd non avranno più la faccia di presentarsi di fronte al Paese". Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, nel suo intervento alla festa della Lega ad Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo. "Senza Conte non sarebbero riusciti a fare questo governo. Paradossalmente è un governo tecnico come quello di Monti in cui M5S e Pd si annullano", ha osservato. "L'errore fondamentale di Salvini e della Lega è stato vincere le elezioni europee con il 34%" ha aggiunto. Salvini dopo le elezioni europee "è diventato il nemico numero uno in Italia e non solo e sono iniziate alcune cosette, incidenti di percorso tesi a delegittimare Salvini, come la Russia", ha continuato Giorgetti. 

"La Lega non invocherà la piazza"  

"Penso che faranno il loro bel governo non in nome del popolo italiano ma contro il popolo italiano. Auguri", ha detto a margine dell'evento. Giorgetti non è dispiaciuto che l'autonomia differenziata venga archiviata con la fine del governo gialloverde, perché "tanto non si faceva niente lo stesso".  

Quanto a Conte, conclude Giorgetti, "è una persona preparata e competente ma politicamente acerba, anche se sta imparando". "Senza Conte non si sarebbe mai formato un governo contro Salvini Credo che lui non fosse neanche molto d'accordo e penso che volesse fare un passaggio elettorale, ma sarà costretto a fare l'alfiere di una manovra di palazzo e a diventare da avvocato del popolo ad avvocato di palazzo".