Giorgetti: sul Mes fummo chiari, no a ricostruzione artefatta

Bar

Roma, 28 nov. (askanews) - "Devo dire in tutta sincerità che siamo stati chiari in quel momento noi e quelli del Movimento 5 stelle. Non accettiamo la ricostruzione totalmente artefatta che è stata fatta sull'accaduto. Siamo persone per bene". Lo ha detto Giancarlo Giorgetti (Lega), ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel Conte 1, parlando della posizione della Lega sul Mes, nel corso della conferenza stampa del Carroccio a Montecitorio.

"Stiamo parlando - ha spiegato - di un trattato che non è una legge ordinaria e neanche una legge costituzionale, ma un trattato che una volta firmato condizionerà la vita e la politica degli italiani per le generazioni a venire. Quando fu approvato il fiscal compact la Lega era consapevole di quello che si stava facendo, altri non lo erano e oggi rinnegano quel voto".

"Noi - ha sostenuto Giorgetti - sapevamo cosa stava succedendo col Mes. Ci dicono: perché non avete fatto? Sapevamo, noi abbiamo fatto nelle sedi in cui doveva essere fatto, ci sono sedi informali che non si mettono in piena luce, sapevamo che dovevamo dire di no. Lo abbiamo poi fatto nella sede regina, come ci dice la nostra Costituzione, in Parlamento. Dove avremmo dovuto farlo altrimenti? Il documento (del 19 giugno, ndr) è chiaro nelle premesse e nel deliberato. se Conte ci ha ripensato non c'è problema, si torna in Parlamento, si approva una risoluzione che è il contrario di quello che ha detto finora. Il Parlamento è sovrano e al Parlamento bisogna rispondere. Naturalmente il parere della Lega sarà contrario com'era prima", ha concluso l'esponente leghista.