Giorgia Meloni si scaglia contro la ministra francese Boone: " Inaccettabile minaccia di ingerenza"

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

La ministra degli Affari Europei francese non è proprio proccupata per il nuovo esecutivo a guida centrodestra, ma comunque vuole che la Francia e l’Unione Europea restino vigili sulla situazione dei diritti in Italia. Queste dichiarazioni della ministra hanno fatto infuriare Giorgia Meloni che ha risposto a tono.

Giorgia Meloni contro la Francia: “Vigilare sui diritti? Inaccettabile minaccia di ingerenza”

La ministra Laurence Boone ha parlato ai microfoni del quotidiano La Repubblica, ed ha detto di rispettare la volontà del popolo italiano che ha democraticamente votato per Fratelli d’Italia. Inoltre spera che tra Parigi e Roma non si intacchino le relazioni e continuino a cooperare come hanno sempre fatto. Nonostante gli auspici e le parole della ministra, alcune sue frasi hanno dato fastidio a Giorgia Meloni. Boone ha infatti dichiarato: “Vogliamo lavorare con Roma ma vigileremo su rispetto diritti e libertà” e “Saremo molto attenti al rispetto dei valori e delle regole dello Stato di diritto”.

Meloni risponde alla ministra Boone

La leader di Fratelli d’Italia ha risposto a queste dichiarazioni attraverso la sua pagina Facebook scrivendo: “Voglio sperare che, come spesso accade, la stampa di sinistra abbia travisato le reali dichiarazioni fatte da esponenti di governo stranieri, e confido che il Governo francese smentisca immediatamente queste parole, che somigliano troppo a una inaccettabile minaccia di ingerenza contro uno Stato sovrano, membro dell’Unione Europea”. La Meloni dunque avverte queste parole come una minaccia e chiede ad Emmanuel Macron di fare chiarezza su quanto dichiarato dalla sua ministra.