Giorgio dell’Arti vede nella governatrice della Banca Centrale il “grimaldello” per fermare la guerra

·1 minuto per la lettura
La governatrice Elvira Nabiullina
La governatrice Elvira Nabiullina

Con le sue impietose analisi economiche Elvira Nabiullina è di fatto la donna che può avviare il golpe contro Putin. Come? Mettendo in moto la rivolta degli oligarchi con il solo input che li convincerebbe a ribellarsi: quello della crisi dei profitti. E nel rispondere ad una domanda di Veronica Gentili a Controcorrente il giornalista e scrittore Giorgio dell’Arti ha fatto capire di vedere nella governatrice della Banca Centrale russa il “grimaldello” per fermare la guerra.

Nabiullina e il golpe contro Putin

Dell’Arti, che è anche autore della biografia “Le guerre di Putin”, ha spiegato: “Gli oligarchi sono un elemento chiave per capire l’ascesa di Putin al potere”. Il dato è che ora che stanno perdendo vagonate di soldi per via della guerra e delle sanzioni, qualcosa potrebbe cambiare nel cerchio magico di Putin: “Questo ci fa credere che ci sia una sofferenza da parte loro. Poi non sono mancati vari segnali di incertezza: pensiamo a Lavrov che all’inizio sembrava contrario e poi si è allineato; la stessa cosa è successa al ministro Shoigu che è scomparso e poi riapparso recentemente”.

Gli oligarchi infedeli perché impoveriti

E in chiosa: “Penso però che il punto di crisi più forte sia della signora Elvira Nabiullina, di cui ci occupiamo poco: è una bravissima economista, oltre ad essere la governatrice della banca centrale russa”. Per Dell’Arti Putin “è un uomo nato per governare e comandare, a me sembra un uomo più solido di quello che gli occidentali cercano di farci credere. Magari si è sbagliato a fare la guerra in Ucraina, ma questo è un altro discorso”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli