Giorgio Tirabassi condizioni: come sta l’attore?

giorgio tirabassi condizioni

La notizia è questa: Giorgio Tirabassi sta meglio. L’attore si trova ancora ricoverato all’interno dell’ospedale di Avezzano, in provincia dell’Aquila, dopo l’infarto di cui è rimasto vittima tre giorni fa e a cui è seguito un intervento chirurgico d’urgenza di angioplastica e l’applicazione di uno stent.

Per qualche giorno dovrà rimanere ancora nel nosocomio, per gli ultimi controlli e il monitoraggio delle sue condizioni. In ogni caso sta bene, come si evince anche dal bollettino medico diffuso nelle ultime ore. “Il paziente” si legge sul bollettino reso noto dal direttore sanitario dell’ospedale di Avezzano, Lora Cipollone “mantiene condizioni di stabilità clinica ed emodinamica, si conferma il trend di recupero contrattile del miocardio del ventricolo sinistro interessato da infarto”.

Il documento continua rivelando come Tirabassi si trovi ricoverato nel reparto di UTIC-Cardiologia ed Emodinamica a seguito di un infarto miocardico della parete anteriore del ventricolo sinistro, trattato in urgenza con angioplastica coronarica ed impianto di stent medicato nella tarda serata dell’1 Novembre 2019.

Giorgio Tirabassi: le condizioni

Inoltre, si legge come l’attore sia “stato sottoposto a controllo coronarografico della coronaria sinistra. Tale controllo ha dimostrato un buon risultato della recente angioplastica e di seguito ad angioplastica ed impianto di stent medicato su coronaria destra, ove, durante la fase diagnostica della procedura urgente del 01/11/2019, era stata rilevata lesione stenotica significativa non correlata all’infarto”.

Il bollettino si conclude così: “Al monitoraggio ECG continuo non sono emerse aritmie degne di nota. Salvo quanto trattato in fase acuta con defibrillazione esterna”.

Insomma, altre belle notizie dopo quelle date dallo stesso Tirabassi. Nella mattina di sabato 2 Novembre 2019, infatti, era stato lui stesso a rasserenare tutti scrivendo su Facebook: “Amici e conoscenti, voglio tranquillizzare tutti. Sto bene e in buone mani”.