Giornalismo, addio al fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari

È morto Eugenio Scalfari. Il fondatore di Repubblica aveva 98 anni. Ne dà notizia lo stesso quotidiano: "Ciao direttore", è la scritta che campeggia sulla homapage del sito.

SFOGLIA LA GALLERY: Eugenio Scalfari, una vita per il giornalismo

LEGGI ANCHE: Eugenio Scalfari: i messaggi di cordoglio sui social

Nato a Civitavecchia il 6 aprile del 1924, Scalfari è stato il primo direttore-manager dell'editoria italiana, padre de "L'Espresso" e "Repubblica", nate dal nulla ma che in pochi anni non solo hanno raggiunto i vertici della diffusione e lasciato un'impronta indelebile.

Giornalismo, addio al fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari (Photo by Mario Carlini - Iguana Press/Getty Images)
Giornalismo, addio al fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari (Photo by Mario Carlini - Iguana Press/Getty Images)

Dopo la giovinezza a Sanremo, dove al liceo classico ebbe come compagno di banco Italo Calvino, inizia a scrivere su alcune riviste fasciste, per venire poi espulso in quanto ritenuto un imboscato.

GUARDA ANCHE: Chi è Giorgia Cardinaletti, l’erede di Francesco Giorgino alla conduzione del Tg1 delle 20

Nei primi anni '50 inizia con il "Mondo" di Pannunzio e l'"Europeo" di Arrigo Benedetti. Nel '55 con quest'ultimo fonda "L'Espresso", primo settimanale italiano d'inchiesta. Scalfari vi lavora nella doppia veste di direttore amministrativo e collaboratore per l'economia. E quando Benedetti gli lascia il timone nel '62, diventa il primo direttore-manager italiano, una figura all'epoca assolutamente inedita per l'Italia. Questo doppio ruolo sarà poi anche uno dei fattori del successo di "Repubblica".

Negli ultimi anni dopo una lunghissima carriera al timone del giornale, si dedica soprattutto alla scrittura, anche con un autobiografia uscita per i suoi 90 anni, nel 2014, allegata al quotidiano.

Nel suo primo romanzo "Il labirinto", uscito nel '98, erano il rapporto tra sentimenti e ragione, il ruolo che il pensiero esercita nella quotidiana esistenza dell'uomo e il contrasto tra aspirazioni profonde e realtà i temi al centro della sua riflessione, sviluppata poi ancora in "L'uomo che credeva in Dio", "Per l'alto mare aperto", "Scuote l'anima mia Eros", "La passione dell'etica", "L'amore, la sfida, il destino".

A un suo intervento su fede e laicità, lui che da sempre si dichiara ateo, rispose papa Francesco, con una lettera a Repubblica pubblicata l'11 settembre del 2014. L'incontro diventa un libro nel 2019 "Il Dio unico e la società moderna. Incontri con Papa Francesco e il Cardinale Carlo Maria Martini"

LEGGI ANCHE: Scalfari, il dialogo speciale di un ateo con Papa Francesco

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli