Giornalisti: Fico, 'violenza contro cronisti colpo al cuore democrazia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 set. (Adnkronos) – La vicenda di Italo Toni e Graziella De Palo, "i due coraggiosi giornalisti scomparsi a Beirut il 2 settembre del 1980 in circostanze mai chiarite", "ci ricorda anzitutto come ancora oggi, in molte parti del mondo, i giornalisti siano oggetto di intimidazioni, di aggressioni, di censure, di vere e proprie esecuzioni. Una violenza che, imbavagliando il diritto fondamentale all’informazione, colpisce nel cuore la democrazia, le libertà fondamentali, lo Stato di diritto". Così il presidente della Camera Roberto Fico, nel messaggio inviato al sindaco di Sassoferrato in occasione dell'iniziativa di questa mattina in ricordo dei due cronist.

"È soprattutto nei contesti più difficili che la professione del giornalista diventa una vocazione, una vera e propria missione. Quella che portavano avanti Italo Toni e Graziella De Palo. Anche per queste ragioni – rimarca Fico – è importante tenere sempre vivo il loro ricordo. Proprio lo scorso anno, in occasione del quarantennale, ho voluto incontrare i familiari per esprimere loro vicinanza e per ribadire l'impegno a fare piena luce sulla loro scomparsa".

"Il profondo debito di riconoscenza che abbiamo nei loro confronti rende ancora più stringente il dovere dello Stato di adoperarsi per la ricerca della verità e per dare soddisfazione piena all’aspettativa di giustizia per questa dolorosa vicenda come per altre drammatiche pagine della nostra storia recente. Mi auguro che la recente riapertura delle indagini – prosegue – possa dissipare tutte le ombre su questo terribile episodio, assicurando l’individuazione dei responsabili".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli