Giornalisti palestinesi protestano contro chiusura siti internet -2-

Roma, 23 ott. (askanews) - L'avvocato del sindacato dei giornalisti palestinesi, Alaa Freijat, ha dichiarato all'Afp di aver fatto appello contro la decisione, che riguarda 59 siti e pagine di informazioni sui social network. Nel 2017 l'Autorità palestinese, che gestisce la Cisgiordania, ha emanato una controversa legge sulla criminalità informatica, che è stata modificata nel 2018. Amnesty International aveva denunciato il testo, che "impone uno stretto controllo sulla libertà dei media e consente la detenzione arbitraria e la condanna fino a 15 anni di reclusione per chiunque critichi le autorità su internet, compresi giornalisti e whistleblower. (Segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli