Giornalisti-Videomaker: nostro collega minacciato, Salvini si scusi

Luc

Roma, 31 lug. (askanews) - Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, si scusi con Valerio Lo Muzio, il giornalista-videomaker che ieri ha ripreso la scena del figlio del leader leghista sulla moto d'acqua della polizia a Milano Marittima. Lo chiede la GVpress - Associazione italiana dei giornalisti-videomaker in un appello pubblicato su facebbok.

"Ci rivolgiamo al ministro, leader della Lega e giornalista Matteo Salvini. Riteniamo inaccettabile che ieri su una spiaggia di Milano Marittima due persone - qualificatesi come agenti di polizia - abbiano cercato di intimidire il nostro socio e collega giornalista-videomaker Valerio Lo Muzio e di ostacolarne il lavoro mentre documentava un fatto di evidente pubblico interesse. Il ministro si è scusato per quell'episodio che, nonostante tutti gli ostacoli, il bravissimo Valerio è riuscito a documentare con il suo video. Adesso ci aspettiamo che si scusi anche per le intimidazioni e le pressioni che il nostro collega ha dovuto affrontare mentre cercava di svolgere il suo lavoro", scrivono i giornalisti-videomaker.