Giornata Donne e Scienza: ricercatrici in prima linea contro Covid

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 feb. (askanews) - "Donne scienziate in prima linea nella lotta contro il COVID-19". Questo il tema su cui si focalizzerà l'edizione di quest'anno della "Giornata internazionale per le donne e le ragazze nella scienza" che si celebrerà in tutto il mondo l'11 febbraio prossimo. La Giornata è stata istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2015 con l'obiettivo di ottenere pieno ed equo accesso e partecipazione alla scienza per le donne e le ragazze e raggiungere ulteriormente l'uguaglianza di genere e l'emancipazione di donne e ragazze.

Lo scoppio della pandemia COVID-19 ha chiaramente dimostrato - si legge sul sito delle Nazione Unite - il ruolo cruciale delle donne ricercatrici nelle diverse fasi della lotta contro COVID-19, dall'avanzamento delle conoscenze sul virus, allo sviluppo di tecniche di test e, infine, alla creazione del vaccino contro il virus. Allo stesso tempo, la pandemia COVID-19 ha avuto anche un impatto negativo significativo sulle scienziate, in particolare su quelle nelle prime fasi della loro carriera, contribuendo così ad ampliare il divario di genere esistente nella scienza e rivelando le disparità di genere nel sistema scientifico, che deve essere affrontato con nuove politiche, iniziative e meccanismi per sostenere le donne e le ragazze nella scienza.

In questo contesto, la celebrazione della sesta edizione della Giornata quest'anno affronterà il tema "Donne scienziate in prima linea nella lotta contro COVID-19" e riunirà esperti che lavorano in campi legati alla pandemia da diverse parti del mondo. L'evento principale del 2021 si svolgerà online dalle 13 alle 15 dell'11 febbraio (per registrarsi https://unesco-org.zoom.us/webinar/register/WN_uB_BjIrpT0m9Zkiad9h19A). Lo stesso giorno presso la sede delle Nazioni Unite si terrà virtualmente la sesta Assemblea della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza. Con grande slancio e interesse ad accelerare i progressi nel raggiungimento dell'Agenda di sviluppo 2030 e dei suoi 17 obiettivi globali, il tema dell'Assemblea della 6a Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza sarà "Oltre i confini: uguaglianza nella scienza per la società", con un'attenzione particolare al valore degli aspetti sociali e delle dimensioni culturali in Scienza, Tecnologia e Innovazione per migliorare i programmi di sviluppo sostenibile.

La scienza e l'uguaglianza di genere - si sottolinea - sono entrambe vitali per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo concordati a livello internazionale, inclusa l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Negli ultimi 15 anni, la comunità globale ha compiuto molti sforzi per ispirare e coinvolgere donne e ragazze nella scienza. Eppure le donne e le ragazze continuano ad essere escluse da una piena partecipazione alla scienza.

Attualmente, meno del 30% dei ricercatori in tutto il mondo sono donne. Secondo i dati dell'UNESCO (2014-2016), solo il 30% circa di tutte le studentesse seleziona campi legati alle STEM nell'istruzione superiore. A livello globale, l'iscrizione delle studentesse è particolarmente bassa nelle ICT (3%), scienze naturali, matematica e statistica (5%) e in ingegneria, produzione e costruzione (8%).

I pregiudizi di lunga data e gli stereotipi di genere stanno allontanando le ragazze e le donne dai campi legati alla scienza. Come nel mondo reale, il mondo sullo schermo riflette pregiudizi simili: lo studio Gender Bias Without Borders del 2015 del Geena Davis Institute ha mostrato che dei personaggi sullo schermo con un lavoro STEM identificabile, solo il 12% erano donne.