Giornata mondiale vista, oculisti: prima visita fa fatta a 3 anni

Rus

Roma, 10 ott. (askanews) - "La vista, il più importante dei nostri sensi, è un bene prezioso che ci fornisce circa l'80% delle informazioni sul mondo circostante. Per questo è fondamentale tutelarla, incoraggiando le persone a sottoporsi ad un accurato esame oculistico". È il messaggio lanciato oggi dai medici oculisti di Aimo - Associazione Italiana Medici Oculisti- in occasione della celebrazione della 'Giornata mondiale della vista', promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità- IAPB, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, per informare e sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza che la vista ricopre nella nostra vita. "La nostra Associazione, oltre alla cura, è orientata soprattutto alla prevenzione- dice il presidente di AIMO, Luca Menabuoni- la principale arma che ci consente di combattere le patologie. La visione è quella funzione che ci permette di percepire il mondo che ci circonda, consentendoci di apprendere e quindi di crescere. La prevenzione è ancora più importante nei bambini ed è nostro dovere garantire loro un'efficienza funzionale dell'occhio".

Per questo AIMO consiglia una prima visita oculistica già dall'età di 3 anni o anche prima nel caso di problemi insorti più precocemente. "La prevenzione nei bambini è ancora più importante, basti pensare ai casi di ambliopia (meglio conosciuta come 'occhio pigro')- prosegue Menabuoni- una riduzione dell'acuità visiva in un occhio non determinata da alcuna modificazione anatomica clinicamente evidenziabile. Come si previene? Semplicemente effettuando nei tempi corretti le visite oculistiche pediatriche. Quindi, se diagnosticata in tempo, basterà stimolare l'occhio pigro con un occhiale ed eventualmente con un bendaggio occlusivo dell'occhio migliore. Se l'ambliopia è individuata e trattata prontamente, la prognosi visiva è ottima e al bambino sarà restituita la sua totale funzione visiva".(Segue)