Giornata per eliminazione armi nucleari, Senzatomica ringrazia ALI

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 set. (askanews) - Il 26 settembre è la Giornata Internazionale per l'eliminazione totale delle armi nucleari, indetta dall'ONU in ricordo della scelta di coraggio del Colonnello sovietico Stanislav Petrov che nel 1983 scelse di fermare una risposta missilistica contro gli Usa. In questa occasione la campagna Senzatomica, partner italiana di ICAN - International Campaign to Abolish Nuclear Weapons premio Nobel per la Pace nel 2017, sottolinea - si legge in una nota - l'importanza di un ruolo attivo da parte di singoli individui ed istituzioni per una società libera dalle armi nucleari.

Va in questa direzione l'impegno di ALI (Autonomie Locali Italiane - Lega delle Autonomie Locali che rappresenta 1200 comuni) che nella persona del Presidente Matteo Ricci, Sindaco di Pesaro, ha manifestato il sostegno all'ICAN Cities Appeal (https://cities.icanw.org/ Appello alle Città di ICAN). Tra le città che hanno già aderito troviamo: Parigi, Ginevra, Washington, Nagasaki, Sydney, Oslo, Berlino e Hiroshima.

L'appello, promosso da Senzatomica e Rete Italiana Pace e Disarmo, manifesta la richiesta di ratifica da parte dello Stato italiano del Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPNW), adottato dalle Nazioni Unite nel 2017 ed entrato in vigore a gennaio 2021.

Il TPNW è il primo strumento vincolante che permette di compiere passi concreti verso il disarmo nucleare. L'Italia, che ospita circa 40 bombe nucleari nelle basi militari di Aviano (PN) e Ghedi (BS), nonostante recenti sondaggi vedano la maggioranza della popolazione favorevole al TPNW, non lo ha ancora ratificato.

Senzatomica ringrazia ALI poiché il suo sostegno è un forte incentivo alla sensibilizzazione della popolazione italiana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli