Giorno Memoria, in Statale Milano convegno su odio con Zagrebelsky

Alp

Milano, 21 gen. (askanews) - In occasione del Giorno della Memoria, il prossimo 27 gennaio all'università Statale di Milano si terrà un convegno dedicato al linguaggio dell'odio nell'Italia fascista e nella Germania nazista fino ai giorni nostri, con la presentazione delle più recenti ricerche in tema sul linguaggio dell'antisemitismo sui nuovi media. L'appuntamento, che si terrà dalle 9 alle 13.30 e ha per titolo "Il linguaggio dell'odio fra memoria e attualità", sarà presieduto dal giurista Gustavo Zagrebelsky, e avrà come relatori i professori Marco Cuzzi, Sara Parini, Roberta Ascarelli, Marina Marzia Brambilla, Vincenzo Gannuscio, Marilisa D'Amico, Milena Santerini, Giovanni Ziccardi, la ricercatrice Valentina Crestani, il direttore della Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea, Gadi Luzzatto Voghera, la giornalista e co-fondatrice di Vox-Osservatorio italiano sui diritti Silvia Brena, e la responsabile dell'Osservatorio antisemitismo della Fondazione Cdec, Betti Guetta. Oltre al rettore, Elio Franzini e al direttore del Dipartimento di Scienze della mediazione linguistica e di studi interculturali, Giovanni Turchetta, parteciperanno anche gli assessori del Comune di Milano, Lorenzo Lipparini (Partecipazione, Cittadinanza Attiva e Open Data) e Cristina Tajani (Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane) e la presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti civili del Comune di Milano, Diana De Marchi.

Alle 18 in aula magna, la Statale darà poi voce alle testimonianze, con le letture recitate di Paola Rausa tratte dal libro di Ugo Samaja "Autopsia di una vita", che raccoglie la testimonianza di vita del medico ebreo triestino nell'Italia fascista. A seguire, sarà presentato il cortometraggio "Viktor Ullmann: biografia di una registrazione", per la regia di L. Grigoropoulos e M. Aristidou, risultato vincitore nel 2016 al Festival di Salonicco come miglior documentario greco e dedicato alla vita del compositore, pianista e poeta nella Germania nazista.

Alla proiezione del cortometraggio, seguirà il concerto per piano di Maria Garzón e la voce recitante di Alkis Zanis, con l'esecuzione di brani per piano e poesie di Ullmann, tradotte da Silvia Gaddini.