Giovani, nuova consultazione Cnel su welfare e lavoro

Redazione
·2 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro ha dato il via alla seconda parte della consultazione pubblica sui giovani con l'obiettivo di raccogliere le loro aspettative e il loro punto di vista sui temi del welfare, della formazione e del lavoro.

Dopo un primo questionario diffuso in via sperimentale a maggio sull'impatto del Covid sulla vita dei ragazzi, è stato lanciato un secondo contenente anche una domanda particolare "Se tu fossi a capo del Governo cosa faresti per creare un futuro migliore?", per avere indicazioni sulle azioni più urgenti secondo il loro punto di vista.

La Consultazione, svolta sulla base dell'articolo 10 del regolamento degli Organi del CNEL, è indirizzata principalmente ai giovani delle scuole secondarie di secondo grado e delle università, di età compresa tra i 14 e i 24 anni, ma è aperta a chiunque voglia partecipare ed è realizzata assieme all'Edic, il Centro di informazione Europe Direct "Europa Insieme". A differenze delle consultazioni già svolte dal CNEL compresa quella in corso sulla parità di genere, questa è articolata in brevi questionari che vengono riproposti periodicamente sul sito e i canali social del CNEL e si svilupperà su un arco temporale più ampio.

"I giovani sono tra le categorie più colpite dalla crisi che sta minando il regolare svolgimento dei loro percorsi di istruzione e formazione e che sta limitando le loro opportunità di lavoro. Nei progetti del Recovery Plan, l'UE prevede azioni dedicate espressamente al sostegno della condizione giovanile. Dobbiamo strutturare progetti con particolare riferimento all'acquisizione di nuove competenze, alla formazione continua, all'avviamento al lavoro e all'autoimprenditorialità. Al CNEL abbiamo attivato un gruppo di lavoro dedicato alle politiche attive del lavoro rivolte ai giovani. Le informazioni che stiamo raccogliendo con la nostra consultazione, assieme alle riflessioni degli esperti e alle indicazioni delle parti sociali rappresentate in Consiglio, saranno la base per un'iniziativa legislativa dedicata ai giovani", dichiara il presidente CNEL Tiziano Treu.

(ITALPRESS).

sat/com