Giovanni Allevi dall'ospedale: “E' iniziata la battaglia"

Giovanni Allevi dall'ospedale: “E' iniziata la battaglia
Giovanni Allevi dall'ospedale: “E' iniziata la battaglia" (Photo by Ivan Romano/Getty Images)

"E' iniziata la mia battaglia. La vincerò!" Una foto di spalle in cui si intravede un busto ortopedico: Giovanni Allevi annuncia sui social l'inizio delle cure per il mieloma multiplo che lo ha colpito.

"Con il cuore traboccante di gratitudine vi ringrazio immensamente per l'Amore che mi state donando! Immagino i vostri pensieri di incoraggiamento e vicinanza avvolgere il mio corpo, e dare un sollievo a questo dolore a tratti insopportabile. È iniziata la battaglia che mi ha portato nel nucleo più profondo della fragilità umana. Con voi la vincerò! Vi amo!"

Queste le parole del compositore, attorno al quale si è stretta una folta schiera di fan ma anche molte personalità del mondo culturale, artistico e scientifico. Tra queste Fedez, Lorella Cuccarini, Linus, i compositori Nicola Piovani e Arturo Stalteri, ma anche la direttrice del Cern di Ginevra Fabiola Gianotti, il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi, il matematico Piergiorgio Oddifreddi, lo psicoterapeuta Giorgio Nardone.

VIDEO - Giovanni Allevi: l'abbraccio col pubblico, il tour, la ripartenza

Non più tardi di una settimana fa il pianista aveva annunciato via social l'annullamento del tour estivo, per potersi concentrare sulla cura della malattia. “Non ci girerò intorno - scriveva - ho scoperto di avere una neoplasia dal suono dolce: mieloma, ma non per questo meno insidiosa. La mia angoscia più grande è il pensiero di recare un dolore ai miei familiari e a tutte le persone che mi seguono con affetto. Ho sempre combattuto i miei draghi interiori in concerto insieme a voi, grazie alla musica. Questa volta perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli