Giro d’Italia e ambiente, un binomio possibile

Il Giro d’Italia è l’unico evento ciclistico a tappe di rilevanza mondiale ad avere tra le sue priorità un’attenzione verso la sostenibilità ambientale. Al punto da rinnovare, per il sesto anno consecutivo, il progetto di sostenibilità Ride Green, basato sull’attività di raccolta differenziata attraverso un sistema di tracciabilità e monitoraggio dei rifiuti, che promuove la salvaguardia delle aree attraversate dalla Corsa Rosa.

Fra i partner di Ride Green c’è anche CONOU, il Consorzio Nazionale per la raccolta e trattamento degli oli minerali usati, che da Perugia, località di partenza dell’undicesima tappa, lancia un appello per potenziare l’economia circolare: “Se vogliamo salvaguardare l’ambiente non possiamo solo fare mezzi ad energia rinnovabile – ha affermato il vicepresidente di CONOU - ma dobbiamo anche recuperare e riciclare tutto quello che usiamo, l’economia circolare è il pilastro del futuro e della battaglia per la salvezza del pianeta”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli