Giro di usura milionario a Palermo, arrestati padre e figlio

Xpa

Palermo, 29 gen. (askanews) - La Guardia di finanza di Palermo, coordinata dalla Procura del capoluogo siciliano, ha eseguito due misure cautelari (una in carcere ed una ai domiciliari), nei confronti di due palermitani, padre e figlio, residenti a San Cipirello (Pa), accusati di associazione a delinquere finalizzata all'usura, all'estorsione, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti e attività finanziaria abusiva. Nell'inchiesta sono indagate complessivamente cinque persone.

I finanzieri hanno inoltre sottoposto a sequestro 7 immobili, 3 aziende e auto e beni di lusso per un valore stimato di oltre 5 milioni di euro.

A dare il via all'indagine è stata la denuncia di un imprenditore che, stretto dalle pressanti richieste usurarie, ha deciso di raccontare ai militari che, a fronte di prestiti per 450mila euro, ha dovuto restituire in un anno circa 1 milione.

(segue)