Gisotti: la riforma del Papa ridisegna i mass media vaticani

(Segue)

Città del Vaticano, 18 lug. (askanews) - Alessandro Gisotti, che la prossima settima conclude il suo incarico di portavoce vaticano "ad interim" per passare alla direzione editoriale della Santa Sede, ha confermato che la riforma messa in moto per i mass media vaticani (oltre alla sala stampa, la Radio vaticana, l'Osservatore Romano, il Centro televisivo vaticano, la tipografia vaticana) cambia la configurazione comunicativa.

Per volontà di Papa Francesco, è nato un nuovo dicastero per la Comunicazione, che coordina le attività comunicative dello Stato pontificio, e il prefetto, per la prima volta, è un laico, Paolo Ruffini, ex direttore di Rai3 e di Tv2000. Da metà dicembre scorso, poi, Andrea Tornielli, vaticanista di lungo corso, è diventato il direttore editoriale. Da lunedì la sala stampa sarà guidata da Matteo Bruni mentre Gisotti, insieme a Sergio Centofanti, andrà a lavorare come vice di Tornielli nella definizione della linea editoriale.