Giugliano (Napoli), scoppia focolaio in un campo ROM: 82 i positivi

·2 minuto per la lettura
Giugliano focolaio campo ROM
Giugliano focolaio campo ROM

Sono ore critiche queste per il comune di Giugliano in provincia di Napoli dove è scoppiato un focolaio in un campo ROM. Le persone positive sarebbero almeno 82. Questo è quanto emerso durante il vertice che si è tenuto nella giornata di venerdì 3 settembre tra l’ASL di Napoli 2 e i servizi sociali di Napoli e Giugliano. Un incontro questo cruciale nel quale sono stati messi in campo i provvedimenti necessari per ridurre i contagi. Nonostante le condizioni di salute dei cittadini sarebbero stabili, l’ASL Napoli 2 ha allestito un presidio sanitario nel quale è stata anche installata una tenda da campo all’ingresso dell’area.

Giugliano focolaio campo ROM, De Luca firma l’ordinanza e il comune campano diventa zona rossa

Nel frattempo il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza che rende il campo ROM di Giugliano zona rossa. Ai suoi residenti è stato imposto l’obbligo di isolamento domiciliare con relativo divieto di allontanamento dalle dette abitazioni. In particolare non sarà consentito transitare sia all’ingresso che all’uscita del campo ROM. Ha quindi precisato che “ai cittadini è consentito rientrare alla propria residenza, domicilio o dimora sita nel campo Rom e di rimanervi in regime di isolamento domiciliare nonché di sottoporsi a tutti i controlli sanitari disposti dalla ASL competente”.

Giugliano focolaio campo ROM, sarà consentito l’ingresso al campo al personale sanitario e socio-sanitario

Contestualmente la nota informa che sarà consentito il transito sia in entrata che in uscita a operatori sanitari, socio-sanitari e altro personale impiegato nei servizi di assistenza limitatamente “alle presenze che risultino necessarie allo svolgimento di dette attività e a quelle di pulizia e sanificazione dell’area e dei locali e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale. Al di fuori delle ipotesi sopra menzionate, non è consentita l’uscita dall’area indicata per lo svolgimento di attività lavorativa”.

Giugliano focolaio campo ROM, l’allarme lanciato dall’ASL Napoli 2

A lanciare l’allarme è stata la ASL Napoli 2 che attraverso un comunicato diramato sui canali istituzionali ha informato: “in data 31 agosto 2021 è stata rilevata la positività al Covid-19 di un cittadino di etnia Rom, dimorante presso il campo di Giugliano dove sono insediati 70 nuclei familiari con un numero orientativo di 500 persone che vivono stretti rapporti interpersonali in condizioni di precarietà igienico-sanitaria. Questa persona, oggi è ricoverata presso il reparto Covid del P.O. Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli e non è stato in grado di riferire in merito ai propri contatti stretti, mentre un familiare dello stesso ha rappresentato che sono intercorsi stretti rapporti interpersonali tra il cittadino positivo e numerosi altri residenti presso il campo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli