Giuliana De Sio: "Non respiravo per covid, temevo di morire"

webinfo@adnkronos.com

"E' stata lunga e terribile". Giuliana De Sio, ospite di Insonnia su Raitre, racconta il dramma di chi ha contratto il covid e ha trascorso due settimane in ospedale per debellare il virus. "Non si può immaginare cosa significhi stare chiusi da soli in una stanza in isolamento per 15 giorni, con un respiro che non c'è. E' stata un'esperienza molto traumatica, ne sono uscita bene fisicamente e psicologicamente. Facciamo finta che sia così... E' stata maggiore la paura dell'intrappolamento che la paura di morire, anche se stavo rischiando perché non respiravo. Ma io soffro di claustrofobia, la mia paranoia era essere chiusa a chiave, impazzivo per attacchi di panico", dice l'attrice. 

"Ho cercato di sopravvivere. Ho avuto una forma molto grave, ho superato il brutto momento grazie alla forza della mia testa. Quando sono tornata a casa in pieno lockdown ero così felice di entrare e uscire dalle stanze, ho vissuto quel momento come un attimo di libertà e di felicità", prosegue. 

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.