Giunta per le Autorizzazioni verso il voto lunedì sul caso Gregoretti

Gabriella Cerami

Ormai è un gioco di strategia, di numeri sul filo del regolamento. Il centrodestra, dunque la minoranza, sta provando in ogni modo a votare lunedì 20, come da calendario, la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini. L’ex ministro dell’Interno, accusato dal tribunale dei ministri di Catania, di sequestro di 131 migranti a bordo della nave Gregoretti. La maggioranza, intenzionata a mandare il leader leghista a processo, vorrebbe far slittare il voto per non fornire a Salvini un’arma da spendere nell’ultima settimana di campagna elettorale.

Attorno a tutto questo si gioca la grande battaglia, che oggi si è spostata nella Giunta per il regolamento. La premessa è la seguente. Da lunedì i lavori dell’Aula e della commissioni saranno sospesi per consentire ai parlamentari di fare campagna elettorale in vista delle elezioni regionali di domenica prossima. La maggioranza chiede quindi che anche quelli della Giunta per le Autorizzazioni vengano interrotti, mentre la minoranza insieme al presidente Maurizio Gasparri ritiene che quest’organo non debba rispondere a queste regole.

Così si è innescato un gioco di tattica e di sponda tra la presidente del Senato Elisabetta Casellati, secondo rumors poi smentiti avrebbe pranzato con lo stesso Salvini, e la minoranza. Quest’ultima, questa mattina, ha chiesto in Aula che fosse la Giunta per il regolamento a decidere se la Giunta per le Autorizzazioni possa o meno lavorare il 20 gennaio. Si è riservata dunque la possibilità di presentare un quesito e farlo votare. Dopo un incontro tra la presidente e la maggioranza, si è dunque riunita la Giunta per il regolamento e qui è iniziato un altro round.

Il primo tempo ha riguardato il numero dei componenti. Da quando è nato il governo M5s-Pd-Leu i rapporti di forza si sono ribaltati. In pratica il centrodestra è in vantaggio con 6 senatori mentre la maggioranza ne conta quattro. Così è stata chiesta un’integrazione. La riunione è...

Continua a leggere su HuffPost