Giuseppe Calcagno fu strangolato in carcere. Fermato il compagno di cella

·1 minuto per la lettura

AGI - Non fu morte naturale quella di Giuseppe Calcagno, deceduto il 3 gennaio in una cella del carcere di Caltagirone. Il detenuto sarebbe stato strangolato dal suo compagno di cella. Le indagini dei carabinieri, coordinati dalla procura, hanno chiuso l'indagine, con un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il presunto omicida, già sottoposto per altra causa agli arresti domiciliari.

L'attività investigativa e gli accertamenti medico-legali hanno permesso di fare luce sulle cause della morte. Le indagini eseguite su delega del sostituto procuratore Samuela Maria Lo Martire, titolare del procedimento, e coordinate dal procuratore Giuseppe Verzera, avrebbero accertato che Calcagno è stato strangolato mentre dormiva. L'indagato, già condannato in passato per omicidio e tentato omicidio, è stato rinchiuso in carcere.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli