Giuseppe Conte rassicura: "Verifica di governo a gennaio per durare fino al 2023"

HuffPost

“Un minuto dopo l’approvazione della legge di bilancio” dovrà aprirsi la verifica di governo che è “necessaria” e che dovrà indicare “un cronoprogramma fino al 2023”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a margine di un convegno dell’Eni. 

“Noi abbiamo preso l’impegno fino al 2023 ha spiegato -, alcune urgenze che il Paese ci chiede sono riforme strutturali, che non si fanno in due mesi o tre mesi. Non ho nessun motivo per dubitare che l’impegno che verrà fuori dalle forze politiche sarà fino al 2023”. 

Il premier ha proseguito: “Se le forze politiche dovessero rispondere diversamente, perché hanno un orizzonte diverso, ce lo diranno e ci confronteremo”.

VIDEO - Conte: “Verifica di governo a gennaio per durare fino al 2023”

 

Intanto anche Goffredo Bettini, esponente del Partito democratico, ai microfoni di 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24, ha ricordato la necessità di una verifica di governo. “A gennaio avremo una verifica di governo o si approva o non si approva, non possiamo stare sospesi ogni giorno a Di Maio e Renzi” . 

Bettini ha spiegato: “Conte si presenterà con una sua agenda e terrà conto anche delle cose successe. Discuteremo un programma che o si approva o non si approva. Non possiamo stare sospesi ogni giorno alle dichiarazioni di Di Maio o a quelle di Renzi che prima vuole il maggioritario poi il proporzionale, prima dice che si deve eleggere il Presidente della Repubblica poi che si può andare anche a votare subito. Questo non va bene”.

 

Continua a leggere su HuffPost