Giuseppe Conte sta valutando una nuova chiusura dei confini regionali

·1 minuto per la lettura
Covid, spostamenti tra Regioni: si rischia lo stop
Covid, spostamenti tra Regioni: si rischia lo stop

Per via del Covid, gli spostamenti tra Regioni potrebbero subire un nuovo stop. Il Governo valuta di ripetere il blocco già avvenuto in passato per contenere i contagi, dato che l’indice Rt nazionale si sta avvicinando pericolosamente all’1,5. “La situazione è molto critica”, ha dichiarato Giuseppe Conte parlando alla Camera.

Spostamenti tra Regioni: rischio stop

Prima di agire, il Governo attende che siano le Regioni a predisporre misure per il contenimento del Covid, tra le più contestate quella della chiusura scuole in Campania e Lombardia. In Aula, il presidente del Consiglio alla Camera ha difeso l’ultimo dpcm, il Pd continua a fare pressioni e non è convinto dell’efficacia delle norme. Giuseppe Conte invoca gradualità nei provvedimenti, d’accordo anche il ministro Azzolina per la scuola, Patuanelli per le imprese e Spadafora, che si è detto contrario sulla eventuale chiusura di palestre e centri sportivi.

Covid e misure regionali

In prima linea per lo stop agli spostamenti tra Regioni, la Sicilia con Musumeci e la Sardegna con Solinas al comando, quest’ultima ha infatti chiuso porti e aeroporti. In Campania vige anche il divieto di circolazione tra province, tutto questo per sgravare il più possibile gli ospedali dalla morsa del Covid, cercando di evitare il crollo del sistema sanitario locale.

La speranza di Palazzo Chigi è quella che i numeri possano regredire o stabilizzarsi, grazie alle misure adottate dall’ultimo dpcm, per evitare ulteriori chiusure. Prima di arrivare ad un nuovo lockdown, la strada passa per il blocco di palestre, sale gioco, ristoranti, bar e tanti altri esercizi rimasti al momento aperti.