Giuseppe Pitorri ha chiuso il pc ed è stato trovato morto il giorno dopo dai vigili del fuoco

·2 minuto per la lettura
Il professor Pitorri ha accusato un malore durante la dad
Il professor Pitorri ha accusato un malore durante la dad

Malore in dad, muore un professore di Mariano Comense dopo aver salutato i suoi studenti in tutta fretta. Giuseppe Pitorri, 65enne insegnante di sistemi e reti alla scuola “Jean Monnet”, è stato trovato esanime il giorno dopo. A mettere in allarme soccorittori e forze dell’ordine i suoi colleghi che non avevano sua notizie da 24 ore ed erano preoccupati, col senno di poi tragicamente a ragione. Il docente pare avesse iniziato a star male durante la lezione del giorno prima, motivo per cui aveva salutato i suoi studenti e spento il pc fino al tragico epilogo. Un epilogo che non ha alcun legame di alcun tipo con vicende connesse al covid, giova ricordarlo. Il piccolo centro in provincia di Como è rimasto sconvolto dalla scomparsa di una persona che tutti conoscevano come uomo probo. La decisione dell’istituto di contattare i soccorsi era arrivata intorno alle 12.30 di ieri, mercoledì 31 marzo.

Malore in dad, muore un professore: il ritrovamento

A quel punto presso l’appartamento del professor Pitorri erano giunti i carabinieri che, dopo aver citofonato insistentemente, hanno allertato i vigili del fuoco. Proprio gli uomini del 115 sono entrati in casa con una scala ed hanno trovato il docente ormai privo di vita nella camera da letto. L’ambulanza del 118 giunta al seguito delle FFOO ha potuto solo constatare il decesso del docente. Un decesso che ha lasciato di sasso soprattutto il personale scolastico, come testimoniato dal post Facebook della dirigente Leonarda Spagnolo.

Il post della dirigente scolastica

Eccolo: “Ancora incredula e sgomenta, comunico a tutta la comunità scolastica del Jean Monnet che il professor Giuseppe Pitorri non è più tra noi. Un malore e ci ha lasciato! Lo abbiamo conosciuto docente serio ed esigente. Poi collega disponibile, sorridente e conciliante, amico a volte timido ma generoso, solare ed affettuoso. Giungono già tanti messaggi di costernazione e non sappiamo ancora reagire. C’è solo un grande vuoto. Tutto il mio e il nostro cordoglio ai familiari”.