Giustizia, Anm: raffica di dimissioni nel Comitato direttivo

Red/cro

Roma, 20 giu. (askanews) - E' in corso da stamane il Comitato Direttivo Centrale dell'Anm. All'ordine del giorno, tra l'altro, la decisione sulle proposte sanzionatorie venute dal collegio dei probiviri in relazione ai fatti del maggio 2019 che interessarono pi consiglieri del Csm e il cui iter era stato bloccato dall'impossibilit di riunirsi imposta dall'emergenza pandemica.

Le motivazioni delle singole decisioni sono state consegnate agli atti dalle conclusioni dei probiviri e dalla registrazione del dibattito della seduta odierna. Vanno per chiariti, si fa sapere, alcuni passaggi procedurali. Tra questi quello nei confronti di alcuni magistrati pr i quali non stato possibile adottare decisioni a causa delle loro dimissioni preventive dall'Anm.

Alcuni le hanno rassegnate dopo essere stati convocati dal collegio istruttorio, davanti al quale erano chiamati a rendere le proprie giustificazioni, altri magistrati incolpati si sono, invece, dimessi non appena stato convocato il C.D.C. che avrebbe dovuto assumere le decisioni sulle proposte di sanzione.

Inoltre la richiesta di Luca Palamara di rendere dichiarazioni davanti dal C.D.C. non stata accolta ai sensi di Statuto, giacch esso assegna non alla fase decisoria, bens a quella istruttoria, affidata ai probiviri, l'ascolto e la possibilit di raccogliere sue memorie e documenti. "Di tali facolt il dott. Palamara - si legge in una nota - ha potuto avvalersi compiutamente in quella sede, venendo convocato allo scopo pi volte, come da sue richieste".