Giustizia, Bartolozzi (Fi): Bonafede ripetente, Pd trasformista

Pol/Bac

Roma, 16 ott. (askanews) - "Appena conclusa l'audizione in Commissione Giustizia del Ministro Bonafede che si è detto, ancora una volta come ebbe a fare l'11 luglio 2018, incredibilmente emozionato. Quanto ai contenuti, neanche una parola sulla nuova disciplina della prescrizione che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2020, ne sui tempi di riforma del rito civile e del rito penale". Lo afferma in una nota Giusi Bartolozzi, deputata di Forza Italia.

"Nulla di nuovo all'orizzonte - aggiunge - sui temi delle grandi riforme meramente annunciate dal ministro già sotto l'egida del governo gialloverde. E' da capire come farà il ministro a superare o comporre questo suo frenetico panpenalismo, con le antitetiche riforme attuate nel recente passato dalla sinistra, quali ad esempio in materia di depenalizzazione e strumenti defliattivi dei contenziosi. Nei trascorsi 15 mesi, il Movimento 5 stelle ed il Pd hanno votato in maniera difforme su tutti, o quasi, i progetti di legge: sicurezza, violenza di genere, voto di scambio politico-mafioso, abbreviato, legittima difesa ed anticorruzione. Resta da chiedersi come possano, le attuali forze di maggioranza, comporre questa evidente incompatibilità salvo trasformismi in danno dei cittadini", conclude.