Giustizia, Caiazza: riforma Bonafede sciagura, battaglia continua -3-

Red/Nav

Roma, 22 dic. (askanews) - Lo schieramento sostenuto dalle Camere penali è "cresciuto a vista d'occhio, sempre più forte, autorevole e riconoscibile, ma pur sempre soccombente di fronte agli assetti di ben due successive e diverse compagini governative, con le rispettive maggioranze parlamentari, all'interno delle quali la pur dichiarata avversione a quella riforma non è riuscita ad impedirne l'affermazione. Prima votandola, ma differendone l'entrata in vigore di un anno; poi avversandola nei contenuti ma di fatto ormai soccombendo alla sua entrata in vigore, a fronte di riequilibri ad oggi del tutto oscuri e, a quanto ci è dato comprendere, del tutto velleitari, se non pretestuosi".

Di fronte a questo quadro, non solo non ci perdiamo d'animo, ma anzi rilanciamo il nostro impegno per l'abrogazione di quella sciagurata riforma, con due obiettivi immediati. Il primo sarà quello di costruire ed allargare il consenso politico intorno ad ogni concreta proposta di legge esplicitamente abrogativa di quella norma, a partire dal disegno di legge Costa, di imminente calendarizzazione. Il secondo obiettivo sarà quello di incontrare tutte le forze politiche ed associative che si sono espresse contro la riforma Bonafede per sondare la concreta loro disponibilità a costituire con noi Comitati promotori di un referendum abrogativo. (Segue)