Giustizia, Carfagna: bene Ermini su riforma condivisa

Pol/Gal

Roma, 4 feb. (askanews) - "Una riforma della giustizia deve essere condivisa, perché la libertà dei cittadini e le garanzie di un processo equo e di durata ragionevole sono principi costituzionali e non possono essere strumentalizzati da una parte politica. Sono d'accordo con quanto sostiene ancora oggi il vicepresidente del Csm, David Ermini, le regole non possono cambiare a ogni cambio di maggioranza". Lo afferma Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

"Per questo motivo, sto lavorando a una proposta di legge che introduca il voto a maggioranza qualificata per le norme penali, in linea con le posizioni più avanzate presenti nel dibattito accademico in materia", prosegue Carfagna.

"Non possiamo più accettare che la giustizia diventi merce di scambio per ottenere facili consensi o per tenere in piedi un governo. Lo spettacolo che sta offrendo la maggioranza sul tema della prescrizione è indecente, qualsiasi ipotesi di soluzione che emerge al suo interno appare rivolta più al posizionamento dei singoli protagonisti che a tutelare i cittadini. Si fermino, ascoltino gli autorevolissimi suggerimenti che vengono da tutti gli esperti, siano essi magistrati, avvocati o accademici. Cancelliamo rapidamente la riforma Bonafede e discutiamo insieme di come rendere i processi più rapidi e tutelare le garanzie di vittime e accusati", conclude la deputata di FI.