**Giustizia: Castaldi, da ministri M5S non condivisa, è goccia che fa traboccare vaso**

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 lug. (Adnkronos) – "Ho difeso la scelta difficile di essere nel governo Draghi consapevole che ingoiare il rospo era anche funzionale a difendere quello che avevamo ottenuto con diversi provvedimenti nei precedenti governi; ed essere anche attenti vigilanti. Tra i provvedimenti da difendere c’era la riforma Bonafede con la quale avevamo cercato di limitare la prescrizione ritenendo di combattere l’impunità e di garantire che più processi arrivino a una sentenza definitiva. Ieri, al contrario, il M5S si è fatto sfogliare, per la ennesima volta con il governo Draghi come un carciofo. Per me la goccia che fa traboccare il vaso". Così su Facebook il senatore M5S Gianluca Castaldi.

"Siamo senza una guida: ci si confronta anche in modo serrato; si arriva ad un orientamento, ad una decisione che – ieri – i nostri ministri non hanno sostenuto fino in fondo. Si è accettato quello che la maggioranza dei gruppi parlamentari non avrebbe mai voluto accettare. Se stare in questo governo, con la rappresentanza parlamentare più ampia (frutto del 33% delle elezioni del 2018) significa essere scarsamente incidenti e politicamente ininfluenti, io credo che una riflessione vada aperta".

"In me la apre di sicuro (e non credo solo in me) ed anche molto, molto profonda; riflessione che mi fa porre a voce alta una domanda: chi e perché ci sta facendo fare scelte che sono lontane mille miglia dalle nostre ragioni identitarie e che ci hanno portato in parlamento? E che ne rimane di quello spirito solidale di condivisione tra di noi? Siamo sicuri che tutto quello che ci viene proposto risponda alla “necessità di stato” rispetto alla quale ci dobbiamo solo che piegare? Io non credo proprio; anzi ne sono fermamente convinto. E sono altrettanto convinto che il M5S resti ancora l'unica forza politica a cui dare fiducia. Ma certi atteggiamenti come quelli di ieri mi hanno fatto maturare la decisione di non sentirmi obbligato a difendere tutto e tutti: nelle decisioni di merito e nei comportamenti soggettivi", va avanti duro Castaldi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli