Giustizia: Coppola attacca Gamacchio, 'malagiustizia frutto di logiche di corrente' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Certamente -sottolinea- il sogno di qualsiasi persona innocente che viene messa sotto inchiesta, è quello di farsi giudicare da un giudice equo, terzo, eticamente e moralmente corretto, che sia indipendente dalla Procura e non ricattabile. Mi rivolgo, con preghiera, al giudice a latere di quel processo di appello, che insieme a Gamacchio faceva parte del Collegio giudicante, affinché abbia il coraggio di raccontare ciò che è accaduto in camera di consiglio, visto il suo palese 'disappunto” quando Gamacchio lesse la sentenza".

Coppola spiega di aver "subito accuse e processi da oltre sedici anni, partite dal dottor Giuseppe Cascini che oggi siede nel Csm, che sono anch’esse emblematiche di questa distorsione"

"Mi rivolgo ai magistrati per bene, che sono la maggior parte e che faticosamente e giornalmente lavorano tra mille difficoltà, affinché abbiano il coraggio di prendere le distanze da coloro che inquinano e fanno crociate politiche o di classe, minando la credibilità e l’indipendenza di tutta magistratura", conclude.