Giustizia, Corte Appello Milano: riflettere su limitazione libertà

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 gen. (askanews) - L'emergenza Coronavirus "ha fatto emergere problematiche giuridiche" come "il delicatissimo rapporto tra le libertà fondamentali e inviolabili del cittadino e la necessità dello Stato di limitarle per la tutela della collettività". E' uno dei passaggi della relazione del presidente facente funzione della Corte d'Appello di Milano, Giuseppe Ondei, per l'inaugurazione dell'anno giudiziario.

La gestione dell'emergenza Covid e la necessità di limitare al massimo il rischio contagio ha portato alla restrizione di alcune diritti fondamentali e inviolabili sanciti dalla Costituzione, come il "potere di ogni cittadino di circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, il diritto di riunione, il diritto di svolgere l'attività economica privata e pubblica e il diritto al lavoro". E queste, ha messo in chiaro il magistrato, sono tutte "problematiche con le quali per molto tempo la giurisprudenza dovrà confrontarsi".