Giustizia, Gigliotti: Davigo degnissimo magistrato

Red/Nav

Roma, 29 gen. (askanews) - "Prendo pubblicamente le distanze da un simile invito e manifesto il mio più fermo rigetto della sollecitazione ricevuta, la quale riesce, in un colpo solo, a mettere inusitatamente in discussione l'equilibrio delle delibere di un Organo a rilevanza costituzionale e la libertà di opinione individuale, oltre che la figura di un degnissimo magistrato che, proprio dalla sede di Milano, ha contribuito a scrivere pagine tra le più significative della storia giudiziaria del Paese". Così afferma in una nota il componente laico del Csm, Fulvio Gigliotti.

Nel comunicato il giurista spiega di aver accolto "non senza grande stupore" una nota della Camera penale di Milano 'Giandomenico Pisapia' indirizzata ai Componenti del CSM oltre che al suo Presidente e al VicePresidente con "l'invito a voler rimeditare la scelta, operata con delibera consiliare, di designare il Consigliere Piercamillo Davigo quale rappresentante del Consiglio per l'inaugurazione dell'Anno giudiziario presso la Corte d'Appello di Milano".

Insomma - continua Gigliotti - "l'inusuale sollecitazione viene argomentata con una asserita 'inopportunità istituzionale' di tale designazione, in ragione delle idee pubblicamente manifestate dal Consigliere Davigo su alcuni temi della Giustizia". Gigliotti che si dice "consapevole del valore neutro o incolore del silenzio" aggiunge che "al fine di evitare che il mio silenzio possa essere da taluno interpretato come tacita o implicita condivisione della sollecitazione" indirizzata prende "pubblicamente le distanze da un simile invito e manifesto il mio più fermo rigetto della sollecitazione ricevuta, la quale riesce, in un colpo solo, a mettere inusitatamente in discussione l'equilibrio delle delibere di un Organo a rilevanza costituzionale e la libertà di opinione individuale, oltre che la figura di un degnissimo magistrato che, proprio dalla sede di Milano, ha contribuito a scrivere pagine tra le più significative della storia giudiziaria del Paese".