Giustizia, integrazione detenuti: intesa tra Regione Lazio e tribunale -2-

Nav

Roma, 4 mar. (askanews) - L'accordo tra Regione Lazio e tribunale di Roma servirà - si spiega - "anche a potenziare il lavoro tra gli uffici giudiziari dell'UEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) e DSM (Dipartimenti di Salute Mentale) attraverso iniziative regionali di formazione specifica; offrire alle persone trattamenti in comunità terapeutiche residenziali, trattamenti sanitari semiresidenziali e ambulatoriali, progetti e percorsi orientati su specifiche condizioni o patologie; assicurare la cooperazione tra le strutture residenziali accreditate e i servizi territoriali per elaborare progetti individualizzati".

Inoltre si supporteranno "gli uffici di esecuzione penale nella presa in carico delle persone con disturbi psichiatrici mediante piani terapeutici e di recupero; potenziare la platea degli enti convenzionati (per l'offerta di lavoro di pubblica utilità o non retribuiti) e promuovere strumenti di giustizia riparativa; favorire l'accoglienza residenziale per persone che altrimenti non avrebbero possibilità di accedere all'esecuzione della pena alternativa al carcere e favorire l'assistenza domiciliare a sostegno dei singoli e delle loro famiglie e di tutti quei soggetti che vivono particolari condizioni di emarginazione; curare la formazione e l'aggiornamento del personale amministrativo e dei volontari attraverso corsi, stage e seminari".

Il protocollo sarà utile anche per studiare i dati relativi ai procedimenti penali, alle misure applicate nelle comunità e agli interventi di sostegno alle persone entrate nel circuito penale per formulare le linee guida dirette a tutti gli operatori del settore. Sono, inoltre, previsti incontri periodici per aggiornare statistiche, documenti di studio, dati e tutte le informazioni utili al riguardo.

"Bisogna favorire forme di recupero che producano sicurezza nella società - ha detto Zingaretti - Stiamo parlando anche di sicurezza intesa come presa in carico di chi ha commesso un reato e ha diritto ad essere reinserito nella società. Faremo la nostra parte sul campo dell'integrazione, la nostra presenza in campo sanitario e sociosanitario".