Giustizia, Mascherin: ci si difende da legislazione caotica

Nav

Roma, 5 feb. (askanews) - "La giurisdizione amministrativa, con ciò intendo giudici e avvocati, deve anche difendersi da una legislazione caotica, confusa e confondente, con il paradosso che l'attività della difesa e la decisione del giudice rischiano di essere considerate, nell'immaginario collettivo, come veri e propri freni alla economia, alla libera iniziativa imprenditoriale, agli investimenti". Così ha detto Andrea Mascherin, presidente del Consiglio Nazionale Forense, nel corso della giornata di apertura dell'anno giudiziario al Consiglio di Stato.

Mascherin poco prima aveva ringraziato il Presidente Patroni Griffi per aver voluto l'intervento dell'Avvocatura alla cerimonia. "Certamente non si tratta di un coinvolgimento solo formale, ma bensì della plastica rappresentazione della giurisdizione, che non può definirsi compiuta se non la si interpreta attraverso il necessario e complementare ruolo di Magistratura e Avvocatura. È importante la presenza della Avvocatura, in quanto la giurisdizione amministrativa è più che mai un ambito di garanzia per il cittadino, trattando la stessa il rapporto libertà/Autorità, e una funzione così delicata non può subire condizionamenti o interferenze dall'esterno, ma bensì va rafforzata da un bilanciamento tecnico e di qualità a opera dell'avvocato".