Giustizia: Mattarella, 'magistrati uccisi non eroi ma servitori rigorosi e coerenti' (2)

Giustizia: Mattarella, 'magistrati uccisi non eroi ma servitori rigorosi e coerenti' (2)

(Adnkronos) – "Paolo Borsellino -ha ricordato il Capo dello Stato- ebbe a dire: 'non ho mai chiesto di occuparmi di mafia, mi è capitato per caso. E poi ci sono rimasto per un problema morale: la gente mi moriva attorno'. Il ricordo di queste grandi figure ha lo scopo di evocare lo stile esemplare del loro essere magistrati al servizio della giustizia e del Paese, senza aver ricercato notorietà: le figure esemplari sono quelle di coloro che si dedicano, con generosità e disinteresse personale, all’affermazione dei valori di libertà e di giustizia mettendo -talvolta anche consapevolmente- a rischio la propria vita".