Giustizia: Mirabelli, 'riforma in Parlamento, con referendum scontro ideologico'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 giu. (Adnkronos) – “Penso che i referendum sulla Giustizia siano inopportuni. Siamo in una fase importante in cui c’è un governo di unità nazionale che si è costituito anche per fare la riforma della giustizia". Così il senatore Franco Mirabelli, vice presidente dei senatori del Pd, a Radio Lombardia.

"In Parlamento si sta lavorando per trovare risposta ai grandi problemi della giustizia italiana, che sono quelli che riguardano i cittadini: i tempi troppo lunghi delle cause civili e delle cause penali, la burocrazia, la non certezza della pena. In commissione al Senato è in discussione la riforma del processo civile mentre alla Camera dei Deputati ci sono la riforma del processo penale e del Csm. Questo, quindi, è il momento di fare le leggi, non di ributtarci in una discussione che per vent’anni ha bloccato di fatto ogni possibilità di riforma perché il mondo si è diviso in pseudo-garantisti o pseudo-giustizialisti o in amici dei magistrati e nemici dei magistrati".

"Non è questo che dobbiamo fare e non è questo che serve. Serve trovare le risposte e oggi in Parlamento si sta lavorando per questo. I referendum rischiano di rigettarci in una discussione ideologica che negli ultimi vent’anni ha impedito qualunque riforma sulla giustizia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli