Giustizia, Modena (Fi): con Bonafede situazione peggiorata

Pol-Afe

Roma, 2 dic. (askanews) - "Sono passati quasi due anni e due governi da quando Bonafede e Di Maio dissero che con la vittoria del M5s sarebbe finita la lunga stagione della conflittualità tra la politica e la giustizia. E da allora la situazione non solo non è cambiata, ma è addirittura peggiorata". Lo dichiara la senatrice di Forza Italia, Fiammetta Modena.

"Le inchieste continuano ad essere un'arma di lotta politica, l'avvocatura ha dato avvio ad una iniziativa mai vista prima d'ora, la Corte Costituzionale è chiamata a risolvere i conflitti determinati dalla legislazione sempre più confusa. I dati del rapporto Censis sull'avvocatura inoltre - aggiunge la senatrice - dovrebbero far riflettere tutti: il 57,4% degli italiani infatti ritiene che "incorrere in un errore giudiziario" sia un rischio al quale chiunque potrebbe essere esposto. Tutto ciò dimostra che Bonafede e Di Maio non hanno alcuna bacchetta magica ed anzi l'unica cosa che ad oggi possiamo evidenziare sono le mancate promesse del ministro della Giustizia sull'aumento dei magistrati e del personale, tassello organizzativo fondamentale. Se neppure alle esigenze di efficienza i 5 stelle sanno dare delle risposte - conclude Fiammetta Modena - sicuramente nulla ci possiamo aspettare in termini di visione generale relativi al nostro ordinamento, all'equilibrio dei poteri e alle tutele per i cittadini".