Giustizia: Renzi, 'felice che nel ruolo che fu di Martinazzoli ci sia Cartabia e non Bonafede'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 set (Adnkronos) – “La mia opinione sulla vicenda del Csm è che abbia vissuto negli ultimi anni uno scandalo. Abbiamo bisogno che nel 2022 con il nuovo Csm si chiuda una stagione complicata. Il correntismo esasperato non può più andare. La politica deve uscire dalla dimensione del piccolo cabotaggio, deve saper tornare alla dimensione di un progetto grande di cui parlava Martinazzoli". Lo ha detto Matteo Renzi, intervistato da Giovanni Minoli, a Castenedelo con Marta Cartabia e Pier Ferdinando Casini per il ricordo di Mino Martinazzoli.

"La giustizia è una questione che riguarda anche il mondo dell’impresa. Troppe norme vessano le aziende, si rischia di distruggerle o spingerle a delocalizzare -ha spiegato Renzi-. Sono molto felice che nel ruolo che fu di Martinazzoli ci sia oggi Marta Cartabia e non Bonafede. Penso che la riforma della giustizia che voteremo con convinzione non risolva del tutto così come non sono risolutivi i referendum dei radicali che ho firmato, pur non ritenendo esaustivi i quesiti, perché credo che bisogna uscire dalla logica della subalternità della politica al giustizialismo".

"Il garantismo è un principio garantito dalla Costituzione ed è il contrario del populismo giustizialista”, ha sottolineato Renzi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli