Giustizia: riforma Cartabia divide Grillo e Conte, ex premier deluso da mediazione (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Le prossime ore potrebbero essere decisive per il Movimento. Perché la tensione sembra aver superato i livelli di guardia. Già ieri Fabio Massimo Castaldo, vicepresidente del Parlamento europeo, con un durissimo post su Facebook ha avanzato dubbi sulla presenza del M5S nel governo Draghi. Supportata da Alessandro Di Battista, che, nonostante abbia lasciato il Movimento, continua a chiedere a gran voce che i 5 Stelle escano dal governo, la conditio sine qua non per rientrare. Nelle prossime ore, altri 'big' del Movimento potrebbero prendere posizione, lamentando la decisione assunta ieri in Cdm. Che ha lasciato scontenti molti nelle file dei 5 Stelle, soprattutto i cosiddetti 'contiani'. Nonché lo stesso ex presidente del Consiglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli